Archivio degli autori

Master Real Estate Università Ca’Foscari Venezia

Gestione e sviluppo dei patrimoni immobiliari 4.0

 

Con grande piacere Veniamo a conoscenza di una  iniziativa di tipo Formativo/Universitario che coinvolge il settore Immobiliare Italiano, spesso gestito con poca trasparenza e dubbia professionalità dai “professionisti di settore” che dovrebbero crescere in formazione visto il ruolo di Influencer e strategico sulla fragile economia del nostro bel paese

Cita il Sole 24

“Un inedito percorso di alta formazione nel panorama del Real Estate italiano promosso da Ca’ Foscari Challenge School in collaborazione con l’Università Iuav di Venezia, per formare figure professionali in grado di valorizzare al meglio il patrimonio edilizio pubblico e privato con metodi e strumenti innovativi per una crescita sostenibile.


Quali sono i trend sociali del futuro che influenzeranno lo sviluppo immobiliare? Qual è l’ambiente nel quale ci troveremo a vivere e a lavorare? Quali le tecnologie emergenti che influenzeranno la nostra esistenza? Il Master in Real Estate Sostenibile (RES) ha l’ambizione di interpretare al meglio gli scenari e le prospettive socio-economiche-ambientali del futuro per rispondere efficacemente alle dinamiche che influenzeranno il settore immobiliare italiano, necessariamente caratterizzato dall’obbligo di recuperare gran parte del patrimonio immobiliare esistente piuttosto che sviluppare nuove aree. È evidente la necessità di trovare nuove funzioni per i molti siti industriali e artigianali dismessi, di riconvertire vecchi fabbricati ad altre funzioni, di recuperare quartieri cittadini degradati a ridosso dei centri storici piuttosto che in periferia, di ridare vita ai molti borghi rurali abbandonati. Questa necessità implica l’obbligo di valutare l’investimento immobiliare non solo in chiave economico-finanziaria, ma anche, e soprattutto, in logica ambientale e sociale, in poche parole responsabile, secondo i principi della sostenibilità, in senso ampio.”

E’ interessante notare come l’approccio all’argomento sia permeato di tutta l’etimologia possibile riguardante le nuove tendenze di sostenibilità….è il segno che ormai “innovazione e sostenibilità” sono la direzione obbligata e aggiungerei giustamente inevitabile.

wp_228844

Ottimi rendimenti del Mercato Immobilare a Milano

Nomisma  in un  focus relativo all’area metropolitana di milano , fa notare, dopo un  periodo in cui prezzi  hanno mostrato una “ripresa” (anche per merito di capitali stranieri cui conviene investire a Milano piuttosto che Londra o Parigi… ), i prezzi immobiliari si stanno assestando. Ed il Mercato immobiliare di milano si stabilizza

A Milano città si rilevano prezzi al metro quadro di 3631 euro in media per le nuove costruzioni,   3 mila euro, invece, il prezzo medio annuo al metro quadro per le abitazioni usate. La variazione percentuale annua è praticamente nulla: +0,7% nel caso delle abitazioni nuove, +0,1% nel secondo. Tira invece bene il mercato delle locazioni, a Milano  si registra un aumento degli affitti dell’1,1%, a 147 euro. L’ottima notizia è che i rendimenti annui lordi si attestano al 5% e oltre, con situazioni molto interessanti dato l’attuale scenario economico.

wp_228844

Inasprimento delle sanzioni per gli abusivi e voto politico

E’ di ieri la notizia…. inasprimento delle sanzioni per gli abusivi.

Sarà veramente la maggiore sanzione agli abusivi che salverà una categoria vessata da anni di norme e chiacchiere da bar ? FIAIP (Federazione Italiana degli Agenti Immobiliari Professionali) ne dà notizia come un grande risultato….

Ma la percentuale di trattative “perse ” a causa di abusivi sembra essere molto bassa…. vogliamo parlare delle Banche…… Qualcuno ci spieghi per quale motivo si è fatto l’ennesimo regalo alle banche, permettendo loro di fare le agenzie immobiliari da una posizione di predominanza economica e di mercato…… e, con un conflitto di interessi che è il più grande si sia mai verificato nel nostro paese.

La verità è che ci sono interessi che non si possono scalfire… si può soltanto combattere giorno per giorno, e attuare  quel poco di disubbidienza civile che ci rimane. Avanti cosi…. usiamo lo strumento del voto….ma non votiamo più per questa gente, destra o sinista che sia! Ci sono alternative (per il momento)

wp_228844

Piove sul bagnato nelle zone terremotate…..

A sette mesi dall’ultimo forte sisma che ha colpito il centro Italia….. le popolazioni, i tecnici, gli amministratori, i commercianti….. insomma tutte le persone interessate dal disastro…. si sentono stordite e direi incredule per quanto NON sta accadendo o sta accadendo alle loro vite, case, abitudini, sicurezze, famiglie. E’ veramente difficile spiegare la sensazione di disgusto…., davanti a tanta incapacità di gestione di un’emergenza che da anni ormai non dovrebbe essere più tale.

I terremoti importanti, infatti, si susseguono ormai con ritmo sempre più ravvicinato da non poter essere considerati come eventi eccezionali…. se ne può aver conferma da un qualunque residente in quelle zone. Ma la nostra amata Italia… non ha degli amministratori degni di tale nome…. a nessun livello e sopratutto ad alti livelli. Non esiste un organizzazione per la gestione non emergenziale di tali eventi…

I fatti ad oggi ci dicono……………: Ufficio ricostruzione non è nemmeno in grado di ricevere e gestire eventuali progetti, i tecnici non hanno indicazioni su come procedere…. anzi passano il tempo a chiedersi a vicenda aggiornamenti sulla burocrazia necessaria ( e deleteria) allo svolgimento del loro lavoro. Il decreto del 9 Aprile si presenta come un enorme mostro famelico di carta, timbri, e sacrificio umano…… e raggiungerà il suo scopo….ad altissimo prezzo… e….molto lentamente.

G.S.G.

wp_228844